Italiani in Germania

Lavoro in Germania

Offerte di lavoro, documenti e permessi per vivere e lavorare in Germania

berlino francoforte monaco monaco centro francoforte centro amburgo amburgo centro

Italiani in Germania

L'emigrazione italiana in Germania è lunga decenni e molto articolata: dai lavori più semplici degli anni '50, ai piccoli imprenditori degli anni '70, ai professionisti qualificati degli anni '90. E oggi?

La storia degli italiani in Germania è qualcosa che ha una lunga tradizione alle spalle e che è fatta anche di immagini che sono entrate nel luogo comune. Ma adesso questa tradizione sembra non essere più solo dietro le spalle ma anche davanti ai nostri occhi. L'agenzia del lavoro tedesca, la Bundesagagentur fur Arbeit parla di un aumento degli italiani in Germania che, tra il 2009 e il 2011, avrebbe fatto segnare un bel 6,3%. E questa nuova "ondata emigratoria" riguarda qualunque tipo di figura professionale non solo quelle qualificate. Entrando più nello specifico si rileva che se nel 2011 gli italiani che lavoravano regolarmente in Germania erano 189.299, nel maggio del 2012 la cifra era già diventata di 232.800. E alcune delle professioni richieste e in cui gli italiani in Germania riescono a trovare occupazione vi sono figure come operai, elettricisti e muratori.

In ogni caso l'emigrazione italiana in terra tedesca ha sempre avuto delle caratteristiche proprie, fin da quando, circa cinquant'anni fa, fu firmato un patto bilaterale tra Berlino e Roma proprio per trovare manodopera che contribuisse al boom economico che la Germania stava vivendo. Da quel momento la schiera di italiani in Germania ha raggiunto la cifra complessiva (dal 1955 a oggi) di circa 4 milioni di emigranti. E, nei primo anni presi in considerazione l'accoglienza tedesca ai lavoratori italiani non fu certo delle migliori, anzi. I nostri connazionali lavoravano a paghe bassissime accettando condizioni di lavoro del tutto contrarie a quelle che erano state le battaglie sindacali.

Poi la tipologia di italiani in Germania cominciò a cambiare, attorno agli anni '70. Fu allora che molti connazionali uscirono da una sorta di precarietà perenne, lavorativa e sociale, iniziando una vita da "tedeschi": furono gli anni in cui molti italiani in Germania divennero piccoli imprenditori, in particolare nel settore della ristorazione. Poi, a partire dagli anni '90, l'emigrazione italiana torna ad essere composta da lavoratori dipendenti ma sempre più qualificati. Comincia un ulteriore periodo di arrivi e, soprattutto, di presenze sempre più stabili e integrate. Certo questo non significa che la questione dell'integrazione sia completamente risolto. Restano alcuni problemi come quello di una scuola che resta decisamente selettiva non dando il giusto sostegno agli stranieri. In ogni caso i dati che abbiamo segnalato prima parlano di un paese, la Germania, sempre più ricercato dagli italiani, in particolare in momenti di crisi come questo.



Scrivici se hai domande o commenti su questa pagina

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento